Tutti gli articoli di admin

michele bravi – il videoclip ufficiale di “mantieni il bacio”

Mantieni il bacio” e il singolo “La vita breve dei coriandoli”, fuori dal maggio scorso, anticipano il nuovo concept album di Michele, “La geografia del buio”, in uscita il 29 gennaio in tutti i digital stores, in formato CD e in vinile.

Michele e l’attore Francesco Centorame (“SKAM”, “Gli anni più belli”), sono i protagonisti di una narrazione cinematografica: immersi in uno stato allucinatorio, reso in forma visibile e tangibile da una nebbia che si insinua, invade e pervade ogni spazio, avvolge e inghiotte ogni cosa, ogni individuo. L’amore è l’unica salvezza, l’unica forza in grado di dipanarsi quella fitta coltre bianca.

Il video di “Mantieni il bacio”, nato da un’idea di Michele Bravi e prodotto da Think | Cattleya, è diretto dal giovane regista cinematografico Nicola Sorcinelli, vincitore nel 2017 del Nastro d’Argento per il cortometraggio “Moby Dick”.

“FAMOSO” di SFERA EBBASTA AL N°1 DELLA CLASSIFICA DEGLI ALBUM PIÙ VENDUTI PER LA QUARTA SETTIMANA CONSECUTIVA

Fine 2020 al Numero 1. Cambia l’anno ma per Sfera non cambia il successo e FAMOSO è ancora al N1.

L’album uscito world wide per Island Records, in soli due mesi è stato per sei volte al numero 1 della classifica settimanale Fimi/GfK degli album più venduti e ha già ricevuto nove dischi d’oro e due dischi di platino (per Baby Bottiglie Privè), oltre che il doppio platino per l’album.

Che FAMOSO potesse rappresentare un caso clamoroso per la musica italiana era pronosticabile ma non per questo scontato; ad oggi nove brani dei tredici contenuti in FAMOSO (la title track è stata pubblicata in seguito) sono stati certificati raggiungendo un risultato con pochissimi precedenti nella nostra musica.

FAMOSO nella sua settimana di uscita è stato il quarto album più ascoltato del mondo su Spotify stazionando per tre settimane nella TOP 50, classifica esclusiva e riservata ai big della musica internazionale. Il video di Baby con J Balvin è stato in tendenza in 14 paesi su Youtube oltre ad essere entrato stabilmente in classifiche nazionali straniere. Sono proprio questi forse i dati più importanti che riflettono quanto FAMOSO sia uno dei rari dischi italiani riusciti realmente a superare i confini del nostro paese; Sfera con FAMOSO sposta un po’ più in alto le possibilità della musica in italiano nel mondo.

NEXT> FEDERICA MARINARI e il videoclip di “DIMENTICATO (MAI)”

Federica racconta così il suo nuovo lavoro: “dal primo ascolto mi sono da subito ritrovata ed immedesimata nelle parole di questa canzone. “Dimenticato (mai)” è una ballad moderna in cui le strofe più urban si aprono ad un inciso memorabile ed emozionante. Il testo, attraverso tante immagini quasi cinematografiche, parla di una storia tra due ragazzi, anzi, dalla prima storia, quella che rimarrá sempre dentro ovunque si andrá e chiunque si incontrerá nella vita.”

Il brano è stato scritto da Omankati, Andrea Amati e Gioele Di Tommaso, prodotto artisticamente da Sabatino Salvati. Mixato da Sabatino Salvati presso Up Music, mastering a cura di Marco D’Agostino. Al singolo ha partecipato Nicola Oliva alle chitarre acustiche ed elettriche.

NEXT> MARVASI presenta il videoclip “Vite altrui”

“Vite altrui” racconta di un amore incondizionato nei confronti di una persona che, ormai da tempo, non fa più parte della quotidianità del cantautore. Come racconta Marvasi“ Con l’espressione ‘vite altrui’ mi riferisco al fatto che più volte, per paura, per comodità o convenienza, ho vestito i panni di un’altra persona, facendo venire meno quelli che erano i miei reali sentimenti, le mie idee, le mie convinzioni. Era un modo per nascondermi da me stesso che mi ha portato a perdere quello che, fino a poco tempo prima, era il mio più grande riferimento”.

Il singolo è accompagnato da un videoclip, nato da un’idea di Daniele Scaglia e Andrea Nucifero, in cui Marvasi è protagonista di alcune  famose opere d’arte a rappresentare un tuffo introspettivo nella vita di ognuno di noi, dove siamo spettatori prigionieri del tempo e delle nostre azioni. 

È un viaggio alla scoperta delle conseguenze che ci hanno plasmato. Le incomprensioni, le decisioni sbagliate e le parole non dette ci hanno vincolati ad una vita che non controlliamo e anche se ci sembra stretta comunque la indossiamo. Nel video il protagonista è intrappolato in un loop temporale di ricordi, un museo della propria vita, in cui in ogni dipinto rimangono impressi i ricordi di quegli istanti, nascosti in un eterno oblio di rimpianti.

PIER CORTESE parla del nuovo videoclip “TU NON MI MANCHI”

E’ uscito, “TU NON MI MANCHI” il nuovo singolo e video di PIER CORTESE, preludio al prossimo disco di inediti del musicista, cantautore e produttore romano.

PIER CORTESE PARLA DELLA REALIZZAZIONE DEL VIDEOCLIP “TU NON MI MANCHI”

Più che come un videoclip canonico, è stato pensato come un cortometraggio, un luogo ideale che potesse ospitare l’atmosfera, il suono e il sentimento drammatico della canzone, ma in realtà liberatorio. Le immagini raccontano una quotidianità sospesa, apparentemente normale, la sensazione di vivere come se non mancasse niente. E invece in “apnea” manca tutto, anche il respiro. I movimenti sono lenti, bloccati e, tramite la ripresa in slow motion, ne è stata resa ancora più evidente la difficoltà.

L’uso di una semplice GoPro, che oltre ad avere le caratteristiche per stare sott’acqua ha il vantaggio di essere molto maneggevole, ha reso possibile delle inquadrature e delle prospettive molto particolari.

Il video è stato realizzato insieme al mio collaboratore e co-regista Walter Monzi. Abbiamo reperito tutto il necessario per simulare la quotidianità (spazzolino, racchetta, doccia, chitarra, ecc.) e, in una giornata di fine estate, ci siamo immersi in una piscina, realizzando il corto in un giorno. Siamo letteralmente morti di freddo. La sera abbiamo anche dovuto reperire all’ultimo minuto una torcia da minatore per creare una luce e un’atmosfera ancora più suggestiva, che potesse sottolineare ulteriori aspetti della quotidianità.

All’interno di questa sospensione narrata nel video si ritrova anche una morale liberatoria, anzi avviene una vera e propria “rinascita”: nel primo ritornello simulo, infatti, una posizione “fetale”, che giustifica la nudità e il senso di tutto.

Next> ARIELE presenta il videoclip di “Per te”

A partire da oggi è online il videoclip di “Per te”, singolo d’esordio della giovane cantautrice palermitana ARIELE, attualmente in rotazione radiofonica e disponibile in digitale (ascolta qui): il videoclip, girato al Teatro “Regina Margherita” di Caltanissetta, con la regia e il montaggio di Ciccio Leo, vede in scena l’artista al centro del palco immersa nell’enorme gonna in tulle e la Musica, impersonata da una danzatrice. La Musica, legata alla protagonista da un legame indissolubile, le danzerà intorno per tutta la durata del video, legandola per sempre a sè con della stoffa sul finale.

“Per te” è un brano pop ricco di contaminazioni soul raccolte negli anni dalla giovane artista che si affaccia per la prima volta sul mercato discografico dopo aver coltivato per anni la passione per il jazz e l’R’n’B.  Una ballad che Ariele dedica alla propria compagna di viaggio, la Musica: “ ‘Per te’ è nata in una notte della scorsa estateStavo attraversando un periodo turbolento e mi andavo rendendo conto che l’unica cosa che mi ascoltasse veramente fosse Lei. Fu allora che iniziai a vederLa, ed è da allora che ha iniziato a farmi compagnia in questo viaggio chiamato vita. Lei, Musica, timida protagonista di questo brano, c’è sempre stata e non mi ha mai chiesto nulla in cambio. È fedele e mi accetta per quello che sono. Credo sia questo, su tutto, che la differenzia da noi esseri umani.”

Al brano, scritto da ARIELE e prodotto da Ciccio Leo (mix a cura di Riccardo Piparo e mastering di Roberto Romano) hanno partecipato Ciccio Leo al piano/keyboards, Manfredi Tumminello alle chitarre e Federico Gucciardo alla batteria.

Noemi Palumbo, in arte ARIELE, è cantautrice di matrice jazz. Si forma presso il Conservatorio di Musica “Alessandro Scarlatti” di Palermo. Fin da subito si avvicina al genere musicale R’n’B esplorandoartisti pionieri della nuova corrente neosoul come Erykah Badu, Robert Glasper, Lalah Hathaway e simili.Inizia l’attività concertistica giovanissima vantando collaborazioni internazionali con artisti del calibro di Peter Eskine, Marco Masini, Davide Shorty. Nel 2020 inizia la produzione del suo primo lavorodiscografico pop/soul in uscita nel 2021 sotto laguida del producer Ciccio Leo.

NEXT> Godo esce con “Come un riccio”

Godo è sì un artista ma anche producer di se stesso con la sua etichetta indipendente “D’Altro Canto” – che non deve sforzarsi di apparire tale. Anzi, delle apparenze se ne frega totalmente. Chiamatelo antidivo, anti-personaggio, anti-influencer, se preferite. 

L’artista che passa il tempo ad autodefinirsi e auto incensarsi, cela la mancanza di creatività, di ispirazione. Ed è proprio questa carenza di contenuti il centro del bersaglio di Come un Riccio.  La formula segreta di questa canzone risiede nell’apparenza leggera e scanzonata della sua esteriorità, ma dentro i testi autobiografici rivelano la vera anima.   

Per Godo è complicato rispecchiarsi nella nostra epoca, perché la società non tende al progresso, ma al regresso. 

Ma perché Godo: “Come un riccio”? 

Perché quando ti lasci alle spalle le insicurezze, quando accetti le tue imperfezioni esse diventano valore aggiunto, una tua peculiarità, e l’entusiasmo diffuso da questo sentimento è pari a una festa. Ecco il godimento. 

Cosa conta il giudizio altrui? Perché dare peso ai leoni da tastiera (pecore nella vita reale), agli haters? Non bisogna entrare nella spirale che nasce dall’invidia e rischia di attirarci nella paura. Il bullismo nell’era digitale è ancora più subdolo, e va stroncato sul nascere. Imparare a godere di ogni emozione, di ogni attimo. 

NEXT> ELISA SAPIENZA e il video di “Come la felicità”

Il videoclip di “Come la felicità” è un vero e proprio reportage a costo zero, in cui il valore inestimabile è costituito dai ricordi. Questi sono le pagine del diario di bordo personale di Elisa Sapienza, ma sono perfettamente specchio per ognuno di noi. Genuine come un backstage della vita quotidiana, le inquadrature sono imperfette e “sbagliate” come la vita medesima che viene raccontataNon c’è fiction, storyboard, scenografia, trucco, recitazione: è la vita immortalata, in quanto tale. 

Gli attori non protagonisti sono la famiglia, gli amici, i pilastri su cui Elisa ha costruito la vita/carriera. E il suo ruolo da protagonista è ingenuo e genuino come i ruoli che ognuno di noi veste quotidianamente.  

IRENE GRANDI – ECCO IL VIDEO DEL NUOVO SINGOLO “Quel Raggio Nella Notte”

Tra i protagonisti della 70^ edizione del Festival di Sanremo, dove ha presentato “Finalmente Io”, brano scritto per lei da Vasco Rossi (insieme a Roberto Casini, Gaetano Curreri e Andrea Righi) e dalla recente pubblicazione di un nuovo singolo, “Devi volerti bene” (brano che la stessa Irene ha firmato con Curreri, Romitelli, Casini e Pulli), Irene Grandi torna con un inedito e un nuovo videoclip estratti da “Grandissimo” (2019, Cose Da Grandi/Artisti First): Quel Raggio Nella Notte.

Un brano scritto da Mario Amato che ha il sapore di uno dei classici di Irene Grandi nel quale il colore blues della sua voce si esprime al meglio. Una storia d’amore, che trascende la natura romantica di questo sentimento verso un Amore Universale, che illumina la notte di un mondo privo di veri valori e che è capace di colmare il vuoto esistenziale, attraverso parole di conforto e fiducia. Raccontata con parole semplici e vere, è immersa in una melodia che ricorda i migliori autori degli anni Sessanta. Arrangiata e prodotta da Antonio Filippelli in una chiave contemporanea e con un gusto britannico.

“Mi ha toccato fin dal primo ascolto, mi emoziona ogni volta che lo canto e ogni volta mi fa venire i brividi. Cosa chiedere di più a una canzone?” Irene Grandi descrive così l’inedito che sarà in radio dal 23 ottobre.

Contemporaneamente uscirà anche il videoclip ideato insieme all’eclettico artista toscano Lorenzo Andreaggi che ne ha curato la regia e che così descrive il video:

“Ascoltando Quel raggio nella notte ho immaginato lo scenario di un mondo ormai distrutto, arido, desolato e con Irene abbiamo ideato la storia in cui due giovani sopravvissuti, grazie ad una voce che li ispira, si incontrano davanti a un misterioso portale (il site transitoire delle crete senesi) offrendoci la speranza di poter ricominciare una nuova vita, forse in un altro mondo, forse entrando in una nuova dimensione, grazie all’Amore.

Irene ha recentemente collaborato con Lorenzo Andreaggi, questa volta in veste di cantante, anche nel duetto “Cosa sognano gli angeli” contenuto nell’album “Italia, America e ritorno…” (2020 Egea Records) in cui Andreaggi reinterpreta, su richiesta dell’amico Narciso Parigi recentemente scomparso, alcune sue canzoni diventandone così l’”erede” artistico naturale e in cui si avvale anche della partecipazione di alcuni prestigiosi musicisti (tra cui Fabio Armiliato, Stefano Bollani) .

Irene Grandi è un’artista che fa ricerca continua, nella musica come nella vita. Ha calcato grandi palchi collaborando con i più importanti nomi della musica italiana e internazionale. Eppure lo sguardo è sempre rivolto in avanti, sfidando il futuro e cercando sempre nuovi stimoli artistici e umani.

EMIS KILLA & JAKE LA FURIA “L’Ultima Volta” feat. Massimo Pericolo

È online da oggi il video ufficiale di “L’Ultima Volta” feat. Massimo Pericolo, prodotto dai 2nd Roof, il nuovo singolo estratto da “17”, l’album certificato disco d’oro di Emis Killa e Jake La Furia. Da oggi il brano è in rotazione radiofonica.

Il video, diretto da Igor Grbesic e Marc Lucas (Damn Films), si svolge all’interno di un carcere, in cui i tre artisti si confessano e vanno a trovare i loro amici chiusi come lupi in gabbia.  “L’Ultima Volta” racconta la storia di un’amicizia che attraversa molti anni, nasce infatti quando i protagonisti ancora vivevano secondo la legge della strada e la vita regalava ben poco. I percorsi poi sono costretti a dividersi, chi raggiunge il successo e chi, invece, non riesce a liberarsi dalle catene della malavita.

Massimo Pericolo, tra le voci più apprezzate della nuova generazione che ha riportato in auge il rap nella sua forma più essenziale ha dichiarato: “Nel 2009 rappavo già e ovviamente ascoltavo i Dogo; Jake raccontava la strada di Milano e io ci rivedevo tante cose della provincia. In quell’anno è arrivato anche Emis e ha aperto gli occhi a tutti su come, per fare il rapper, l’importante sia rappare. Non si atteggiava né vestiva come gli altri, ma ha vinto il Tecniche Perfette. Sono due artisti che hanno influenzato pesantemente me e il rap italiano. È anche grazie a loro se oggi posso vivere di questa musica, per questo sono felice e orgoglioso di aver partecipato al loro disco.”

Sull’onda del successo ottenuto con il loro primo disco insieme, i due artisti hanno annunciato due date live, al Fabrique di Milano venerdì 21 maggio 2021 e all’Atlantico di Roma sabato 29 maggio 2021. Per l’occasione, Emis Killa e Jake La Furia porteranno sul palco i brani contenuti nell’album di inediti “17”, come il singolo che ha anticipato l’intero progetto, “Malandrino”, “Medaglia”, attualmente in rotazione radiofonica, oltre ad alcune delle canzoni più apprezzate dei due artisti e alle fruttuose collaborazioni reciproche in tracce di successo come “Di tutti i colori”, “Non è facile”, “Fuoco e Benzina” e molti altri.

L’Ultima Volta” è estratto da “17”, album che è stato alla vetta della classifica FIMI per due settimane consecutive. Il progetto è stato accolto con grande entusiasmo dagli appassionati del rap. In sole 24 ore, infatti, 8 brani si sono posizionati nella Top 10 di Spotify.  Dopo oltre 15 anni di carriera alle spalle che hanno segnato la storia dell’hip hop italiano, con “17” Emis Killa e Jake La Furia, legati da uno stretto e sincero rapporto di amicizia, si uniscono per la prima volta in un progetto discografico volto a celebrare la scuola che ha reso il rap il genere più ascoltato e di successo in Italia oggi, fondendo le tecniche, lo stile e il flow di entrambi.