Archivi categoria: videoclip

“22 SETTEMBRE” – IL NUOVO VIDEOCLIP DI ULTIMO

Ultimo torna con il nuovo singolo “22 settembre”, disponibile in radio e su tutte le piattaforme digitali da oggi, martedì 22 settembre 2020. 

Dopo un 2019 da assoluto protagonista (artista più ascoltato su Spotify a Apple Music e “Colpa delle favole” album più venduto dell’anno) Ultimo mette la firma su questo difficile 2020. Lo fa con “22 settembre”, un brano colmo di speranza che dà un chiaro appuntamento al quale nessuno di noi può rinunciare: quello con le proprie emozioni. 
“22 settembre” apre un nuovo capitolo della carriera dell’artista. Nasce, infatti, Ultimo Records, etichetta discografica indipendente che seguirà tutte le prossime produzioni del cantautore.
Il brano è accompagnato dal videoclip, diretto dagli YouNuts (Niccolò Celaia e Antonio Usbergo), con due protagonisti d’eccezione: gli attori Marco Giallini e Ludovica Martino.
Ultimo tornerà a suonare dal vivo nell’estate del 2021 e sarà il più giovane artista italiano di sempre a esibirsi negli stadi. Il tour organizzato da Vivo Concerti che partirà il 4 giugno 2021 e si chiuderà con un concerto evento al Circo Massimo il 18 luglio 2021, conta a oggi oltre 500mila biglietti venduti.
TOUR STADICALENDARIO DATE:
Venerdì 4 giugno 2021 || Bibione @ Stadio Comunale – DATA ZEROMartedì 8 giugno 2021 || Torino @ Stadio Olimpico Grande TorinoSabato 12 giugno 2021 || Napoli @ Stadio San Paolo – SOLD OUTDomenica 13 giugno 2021 || Napoli @ Stadio San Paolo Mercoledì 16 giugno 2021 || Firenze @ Stadio Artemio Franchi – SOLD OUTGiovedì 17 giugno 2021 || Firenze @Stadio Artemio Franchi Lunedì 21 giugno 2021 || Modena @Stadio Alberto BragliaVenerdì 25 giugno 2021 || Ancona @Stadio del Conero Martedì 29 giugno 2021 || Pescara @Stadio Adriatico – Giovanni CornacchiaVenerdì 2 luglio 2021 || Milano @Stadio San Siro Sabato 3 luglio 2021 || Milano @Stadio San Siro – SOLD OUTGiovedì 8 luglio 2021 || Bari @Stadio San NicolaLunedì 12 luglio 2021 || Catania @ Stadio Cibali – NUOVA LOCATIONMartedì 13 luglio 2021 || Catania @ Stadio Cibali – NUOVA LOCATIONDomenica 18 luglio 2021 || Roma @ Circo Massimo – SOLD OUT
Maggiori informazioni al sito www.vivoconcerti.com

SAMUELE BERSANI – IL VIDEO DI “HARAKIRI”

“Harakiri” è il primo assaggio del nuovo album “Cinema Samuele”, in uscita il prossimo 2 ottobre per Sony Music.

Tra musica e immagini, la canzone è accompagnata da un videoclip  che riprende il sapore cinematografico della traccia e si presenta come un meraviglioso cortometraggio, diretto da Giacomo Triglia, su soggetto scritto da Pacifico e interpretato nel ruolo del protagonista da Jozef Gjura.

“Harakiri” pesca a piene mani nella quotidianità per offrire una visione poetica della complessità della vita, mentre le note nostalgiche di un hammond a valvole creano subito un’atmosfera ipnotica e intima alla Serge Gainsbourg e suggestive geometrie sonore raccontano il ritratto di un uomo che “che dal suo abisso riesce sorprendentemente a risalire”.

Poche pennellate bastano all’artista per portare l’ascoltatore a un millimetro dal protagonista nei fumosi cinema parigini e nelle desolate periferie di quartiere, in un impressionismo musicale fatto di immagini e visioni simboliche. Un racconto cinematografico pieno di realismo e dirompente poesia dove, nel totale blackout del mondo, anche il disagio più buio può trasformarsi in rinascita, lasciando un finale di canzone aperto all’immaginazione dell’ascoltatore. Il cantautore riprende così in questa prima “sala”, temi contemporanei e problematiche tangibili di oggi, umanità nascoste agli occhi ma sempre presenti e centrali nei suoi testi, da “Il Mostro” in poi.

“Harakiri” è scritto da Samuele Bersani e prodotto e arrangiato dallo stesso artista insieme a Pietro Cantarelli.

“Notte di Luce” – Il videoclip del Maestro Federico Longo

Una nota di LA grave all’ottava cupa del pianoforte. Così si apre Notte di Luce (su tutte le piattaforme digitali dal 23 agosto) il brano apripista dell’omonimo album del Maestro Federico Longo, in uscita prossimamente.
C’è un senso profondo in questa nota primordiale, nel modo minore degli accordi di una musica che ambisce alla speranza, alla ripartenza, a quella luce spiraglio di speranza dalle tenebre. Perché per sopravvivere al dolore e alla notte bisogna conoscerli, affrontarli, provarli sulla pelle.
Nella progressione armonica che vede la simultanea presenza del modo maggiore e del modo minore e che conduce fino ai raggi di soli espressi dalle scale di un violino di vivaldiana memoria, c’è tutta la semantica del Maestro Longo.

La musica assoluta del Maestro ha un linguaggio intrinseco che non richiede versi testuali: essi sono tradotti nel sentire dell’ascoltatore. Il suo repertorio non è ascrivibile a una categoria musicale o a un periodo storico definito. 
Una musica figlia del momento difficile che accomuna tutti noi, che cela all’interno le coordinate geografiche con traguardo sulla speranza. Un viaggio attraverso il suono per simboleggiare la rinascita della luce dopo le ombre della sofferenza.
Chiudete gli occhi e senza aprirli, lasciatevi guidare: la vostra bussola sarà il suono che rischiara la notte.

VIDEO > LA MUNICIPÀL – “L’ORSA MAGGIORE”

E’ uscito il videoclip di “L’ORSA MAGGIORE”. Si tratta del lato A del nuovo doppio singolo del progetto “Per resistere alle mode” de LA MUNICIPÀL,
caratterizzato dall’uscita di 5 doppi singoli (rilasciati in digitale e in formato vinile 45 giri a tiratura limitata) prodotti da luovo e Artist First, che saranno poi raccolti in una speciale pubblicazione.

Il video, nuovamente affidato alla regia di Giacomo Spaconi, vede ancora una volta protagonista Fabrizio Colica del duo Le Coliche, proseguendo la narrazione iniziata con i precedenti capitoli, “Quando crollerà il
governo”
e “Che cosa me ne faccio di noi”, primi videoclip estratti da “Per resistere alle mode”.

GUIDA ALL’ASCOLTO DEL BRANO “L’ORSA MAGGIORE”
Un sogno fluttuante tra costellazioni e ricordi di una storia passata, il tutto reso ancora più confuso da una festa tra amici, una festa di quelle distruttive, che ti rimettono in gola tutte le cose lasciate in sospeso, tutti gli
amori svaniti per caso.

FRANCESCO MONTE – Il videoclip di “SIAMO GIA’ DOMANI” è un road movie

C’è la firma del talentuoso regista Gianpiero Alicchio, vincitore del 53° Golden Globe, sul video-clip “Siamo già domani”, un road-movie ambientato in Puglia, tra Mesagne e Taranto, che segna l’esordio discografico di Francesco Monte.P

iù che un video musicale un vero e proprio short-film prodotto con mezzi imponenti da Olé Artist & Marcello Sutera che, per una settimana, hanno reclutato una troupe cinematografica di altissimo livello. Oltre ad Alicchio, uno delle firme emergenti del nostro cinema (ha già collaborato con Alex Britti, Sergio Rubini e nella serie “Suburra”) – sotto la direzione del line-producer Danilo De Masi, hanno lavorato al progetto Angelo Stramaglia, già direttore della fotografia per Rovazzi ed Alessandra Amoroso, la scenografa Alessandra Schilardi, che ha lavorato con Max Pezzali e – lo scorso anno – per il brano “Mambo Salentino”, la costumista Carol Cordelli (Fedez e Giusy Ferreri), il Colorist Valerio Liberatore (impegnato attualmente con Netflix con la serie Summertime) oltre ad un lungo elenco di professionalità che, in questi anni, hanno firmato alcune pellicole di grande successo. 

Nel cast, oltre ovviamente a Francesco Monte, figurano anche Chiara Lodoli, Emanuela Dellisanti, Gianmarco di Totero e Davide Faggioli. “E’ stato davvero bellissimo lavorare con tanti professionisti del mondo del cinema – spiega Monte – molti dei quali, lo dico con orgoglio, reclutati proprio nella mia Puglia. Penso che il video sia riuscito ad interpretare, con volti e luoghi fantastici, la vera essenza di un brano in cui credo tantissimo. Merito di un grande regista come Alicchio e di un gruppo di lavoro col quale, dal primo all’ultimo giorno, ho lavorato con formidabile sintonia.

Questo video è solo l’ultima tappa di un lungo percorso musicale che, con il lavoro e l’impegno, spero mi porti quelle risposte e quelle soddisfazioni che ho sempre ricercato”. Il brano “Siamo già domani” – uscito lo scorso 17 luglio con l’etichetta discografica Olé Artist – è stato scritto da Francesco Monte, Luca Mele e Alessandro Grasso che ha curato l’arrangiamento assieme a Marcello Sutera.

DAVIDE SHORTY – Il video di “CANTI ANCORA?!” con il feat. di Elio

“CANTI ANCORA?!” è un brano fresco e dinamico dove, con sottile ironia, Davide Shorty e il suo ex giudice/coach Elio scherzano sulla popolarità che avvolge i concorrenti dei talent show: meteore televisive destinate ad estinguersi nel giro di poco tempo, al punto che le persone, quando li incontrano per strada, chiedono loro “canti ancora?!”

Allo tempo stesso però “CANTI ANCORA?!” non è solo lo sfogo di un artista uscito da un talent, ma una fotografia di un’Italia che si ferma troppo spesso alle apparenze, poco educata a prestare attenzione e sempre pronta a salire sul carro del vincitore; ma è anche un grido di speranza verso se stessi, la prova che nessuno ha il diritto di definirci in quanto siamo noi ad avere il controllo sulla nostra storia.

Il video è stato girato da Simone Pellegrini & Antonio Pettinelli in piena “fase 2” a Londra, la città che da anni è la casa di Davide Shorty. Il video di “CANTI ANCORA?!” è la rappresentazione di una telefonata tra Davide e Elio durante la quale il cantante siciliano presenta al suo ex coach la sua nuova creazione, dando così ancora più enfasi al messaggio del brano: un confronto pieno di ironia ma allo stesso tempo profondo tra due artisti sul mondo moderno. “CANTI ANCORA?!” è stata scritta e prodotta da Gianluca Di Ienno e Davide Shorty, Regia di Simone Pellegrini & Antonio Pettinelli, motion graphics Antonio Pettinelli, lighting Giorgio Lattanzi, editing Antonio Pettinelli, styling Maisha Grispino, cameo di Giulia Grispino, assistente al montaggio Elisa Clara Maddalena


Davide Shorty 
è un cantautore, beatmaker e rapper di Palermo capace di far convivere la sua inconfondibile voce soul con sonorità innovative e melodie contaminate da jazz e rap. Dopo varie esperienze nella scena hip hop siciliana nel 2010 si trasferisce a Londra per intraprendere un nuovo percorso musicale e nel 2012 fonda la band Retrospective For Love, con la quale si fa conoscere nel Regno Unito. Nel 2016, dopo essersi posizionato 3° alla nona edizione del talent show X-factor, il cantante siciliano firma per Macro Beats, una delle più importanti etichette indipendenti italiane che pubblica il suo primo album ufficiale “Straniero“, lavoro che lo porta ad esibirsi sui palchi di tutta Italia parallelamente alle prestigiose collaborazioni con artisti del calibro di Robert GlasperJordan Rakei e Mr Jukes (Bombay Bicycle Club). Nel 2018 pubblica insieme ai Funk Shui Project l’album “Terapia di Gruppo”, che viene apprezzato molto da pubblico e critica tanto da portare il progetto ad esibirsi in più di 40 date  in tutta Italia incluse i prestigiosi opening internazionali a Chinese Man e Daniel Caesar (grammy award 2019). La fortunata collaborazione tra Davide e i Funk Shui Project continua nel 2019 quando esce per Totally Imported l’album “La Soluzione” che conferma la sinergia artistica tra il cantante e il collettivo torinese. Al disco segue la pubblicazione del reboot dello stesso: “La Soluzione Reboot” con all’interno l’inedito “Carillon” feat. Roy Paci.

“LIBERI” – DANTI con RAF e ROVAZZI

E’ online il videoclip di “Liberi”, il singolo di Danti con Raf e Rovazzi, già in radio e nei digital store per Time Records.

Come ci ha abituati in quest’ultimo periodo, Danti continua la collaborazione con gli artisti tra i più amati del panorama italiano, inanellando una hit dopo l’altra. Dopo le recenti Canzone sbagliata, con Luca Carboni e Shade, e Tu e D’Io con J-Ax e Nina Zilli, il rapper nato con Two Fingerz, diventato l’autore e produttore più richiesto e cool del momento, mette ora a segno un altro colpo.

Ci sono sempre degli incastri magici dietro ogni disco di successo, un’idea, un testo, una melodia, che, per qualche motivo, in quel dato momento, rende quella canzone speciale, magica. È il caso di Liberi. Nata mesi fa quando l’emergenza Covid non era nemmeno immaginabile, esce in contemporanea con questo strano ritorno alla normalità. Non siamo ancora definitivamente “liberi”, ma il brano interpreta bene lo spirito di questo periodo. La canzone vuole essere di buon auspicio, candidandosi ad essere la colonna sonora ideale di questa anomala estate 2020.

Liberi non è stata scritta per questo periodo ma gli si addice perfettamente. Non è una canzone per festeggiare ma per regalare dei momenti di spensieratezza in un periodo in cui c’è molto bisogno” racconta Danti “In questo nuovo singolo c’è un chiaro riferimento nostalgico agli anni della musica house”.

Raf commenta così il brano“Gli scenari distopici di una pandemia che ha colto tutti impreparati, il persistere di piaghe antiche che l’umanità non ha mai superato veramente, e malgrado gli insegnamenti della storia, l’ostinato uso di metodi coercitivi come ipotetiche soluzioni, le quotidiane difficoltà per tenere il passo, per non sentirsi esclusi in un mondo dove tutto sembra avere un prezzo e tutto si consuma troppo rapidamente, hanno amplificato un estremo desiderio di evasione di spensierata leggerezza, di essere liberi.” Rovazzi dichiara“Quando Danti mi mandó il brano decisi, dopo il primo ascolto, che dovevo cantarci dentro qualcosa. Essere “liberi” è il desiderio di tutti oggi più che mai, soprattutto il mio.”

Danti e Raf sono alla loro prima collaborazione. “Nel mio brano Certe cose, del 2007, già esprimevo il desiderio di lavorare con Raf” dichiara Danti “Sono sempre stato un suo grandissimo fan. L’ho contattato tempo fa invitandolo a lavorare insieme e così è iniziato il nostro rapporto. Ho cercato di adattare questo brano al suo mondo e credo di esserci riuscito. Poter collaborare con lui è stato per me un grandissimo onore”.

Danti e Rovazzi hanno una conoscenza di più lunga data e hanno scritto insieme alcuni brani portati al successo dallo stesso Rovazzi: oltre alla hit Andiamo a comandare (5 dischi di platino), i due artisti hanno firmato Tutto molto interessante (3 dischi di platino), Volare (4 dischi di platino), Faccio quello che voglio (2 dischi di platino).

Dopo aver pubblicato 6 album come Two Fingerz, Danti inizia a lavorare con molti artisti del panorama italiano. Scopre e sviluppa sempre di più la capacità di cucire addosso ad altri un vestito di melodia e testo efficaci. Dal 2016 pubblica una serie di featuring e di lavori come autore che generano più di 20 dischi di platino in soli 2 anni. Caparezza, Max Pezzali, Fabri Fibra, Gue Pequeno, Fedez, Benji e Fede, Renga, Annalisa, J-Ax, Shade, Nina Zilli, Fiorello, Luca Carboni e Rovazzi sono alcuni degli artisti che Danti coinvolge nelle sue produzioni e con i quali firma brani che sono diventati delle hit.

Una carriera piena di successi quella di Raf, iniziata nei primi anni Ottanta con l’album in inglese Self control, che lo fece conoscere in tutto il mondo e il cui brano omonimo divenne una delle più famose canzoni della musica italiana. L’artista pugliese è molto amato da tutte le generazioni e vanta un repertorio vastissimo costellato di hit: Inevitabile follia, Interminatamente, Oggi un Dio non ho, Ti Pretendo, Cosa resterà degli anni 80, Sei la più bella del mondo, Il battito animale, Infinito, solo per citarne alcune. Nel 2019 è stato super ospite al Festival di Sanremo insieme ad Umberto Tozzi, con il quale, nello stesso anno, è stato protagonista di un tour nei palasport.

Sin dal grande successo del 2016 con Andiamo a comandare (scritto insieme a Danti), Fabio Rovazzi ha collezionato 15 dischi di platino, e si è distinto per la sua grande creatività in più ambiti, per lo sguardo tagliente sulla vita di tutti i giorni e per l’ironia che lo ha portato a conquistare il cuore non solo di tantissimi fan ma anche di amici e colleghi del mondo dello spettacolo. Rovazzi ha collezionato in poco tempo cifre da capogiro sui social: 1.500.000 di follower su Instagram, 1.600.000 di follower su YouTube, 500.000.000 di views su YouTube. In questi ultimi mesi, sul suo canale Twitch, il poliedrico artista è stato protagonista di una serie di appuntamenti esclusivi con interviste a numerosi ospiti e amici del mondo dello spettacolo, dello sport e della politica.

LA CAMBA – ECCO IL VIEOCLIP DI FACCI CASO

E’ online da oggi, 10 luglio, il videoclip di “Facci Caso”, il nuovo travolgente brano con cui La Camba (nome d’arte di Federica Camba), torna sulle scene, dopo aver collezionato innumerevoli Dischi d’Oro e di Platino con le sue canzoni scritte anche per grandi artisti italiani e non, vendendo più di 10 milioni di copie. “Facci Caso” (etichetta Da 10 Production)

E da oggi il singolo è anche in radio e nei digital store.

Il libro di Kurt Vonnegut  “Quando siete felici, fateci caso” ha ispirato la scrittura di questo brano che rappresenta un nuovo inizio per la cantautrice cagliaritana, il cui ultimo lavoro da solista era stato pubblicato nel 2013.

Un inno alla voglia di vivere, “Facci caso” parla della felicità che diamo per scontata, a cui non abbiamo fatto caso, e di quanto le vite che non abbiamo vissuto siano un prezioso patrimonio: è proprio quando crediamo di aver bisogno di cose diverse che dobbiamo renderci conto che il destino è nelle nostre mani, quando tutto sembra finire, è allora che la vita ricomincia.

’Facci Caso’ è una canzone dirompente, mi ha svegliata di notte, in pieno lockdown, ed era già completa, finita, come se fosse sempre esistita” racconta La Camba “In un momento in cui tutto era forzatamente fermo, il mio inconscio scalpitava di vita, di tutte le vite che non avevo vissuto, di quelle che mi hanno migliorata anche solo avendole immaginate. Rappresenta la voglia di andare avanti, di vincere le paure e i momenti in cui tutto sembra finito e invece sta ricominciando. È la carica emotiva, l’energia, la passione di chi si rimette in gioco lasciando il proprio bagaglio alle spalle, semplicemente per essere felice e… farci caso.”

Federica Camba è nata a Roma e cresciuta a Cagliari. Appassionata di scrittura sin da piccola, dalle poesie ai romanzi, decide di unire la sua passione per la parola a quella per il canto. Il suo percorso artistico inizia nel 2000, firmando come autrice innumerevoli canzoni portate al successo da Laura Pausini, Luca Carboni, Alessandra Amoroso, Nek, Emma, Marco Masini (due delle quali portate a Sanremo dal cantante, nel 2017 e nel 2020), Elodie, Annalisa Gianni Morandi (con il quale vince il Premio Lunezia per il brano Grazie a tutti).

 Nel 2010 debutta come interprete e pubblica due album da solista: “Magari oppure no” (Warner) e “Buonanotte sognatori” (Universal), uscito nel 2013.

Sulla sua doppia attività, di cantautrice e compositrice per altri artisti, Federica commenta: “Non ho mai dubbi su quali canzoni tenere per me, o quali possano essere interpretate da un altro artista. Sono le canzoni stesse a scegliere, a scegliermi. È una questione intima, empatica, un amore a prima vista. Loro lo sanno dalle prime note…”

La Camba è attualmente in studio a preparare il suo terzo album, di prossima uscita.

GUARDA IL NUOVO VIDEO DI AIELLO “VIENIMI (a ballare)”

E’ uscito “VIENIMI (a ballare)”, il nuovo brano di AIELLO, scritto da AIELLO e prodotto da Iacopo Sinigaglia insieme ad Alessandro Forte, riporta il cantante alle sue radici, la Calabria.

Nella canzone , le origini meridionali, l’autenticità del cantautorato italiano, i suoni street contemporanei e il ritmo delle musiche popolari latine si fondono in un mix di sonorità nuove e potenti. L’artista racconta la voglia di superare i ricordi di storie d’amore finite, il desiderio di libertà, di una nuova leggerezza, l’inizio di un’estate speciale, un’Estate Meridionale, trasportando chi lo ascolta su una pista da ballo immaginaria.

AIELLO torna a far sentire la sua voce con questa canzone, che arriva dopo due certificazioni oro per i brani estratti dal suo primo album “EX VOTO”, “Arsenico” e “La mia ultima storia”.

Il video, diretto da Giulio Rosati e prodotto da Borotalco.tv, mette a fuoco il mondo di AIELLO, un’evoluzione sonora ed estetica che fonde il pop, con scenari più street e meridionali. Nel video di “VIENIMI (a ballare)” il cantante balla sui tetti di una periferia meridionale, vicino al mare, poi in spiaggia al tramonto. Dialoga a distanza con una ballerina, che come lui si lascia trasportare dal ritmo incalzante della canzone. È il racconto di un’estate del sud, dove quadri urban si mescolano a sapori e immagini più latine, popolari, dove tutto profuma di passione e autenticità. È la storia di un uomo che viene dal mare.

«Le nostre radici raccontano di noi più di una qualsiasi carta d’identità, e nel videoclip di “VIENIMI (a ballare)” ci sono le mie origini, ci sono io come mi sono sempre visto e come non tutti mi conoscono ancora.»

AIELLO è attualmente impegnato nella realizzazione del suo secondo disco, un nuovo mix di generi musicali, un threesome, questa volta “troppo pop, troppo street, troppo meridionale”, di cui “VIENIMI (a ballare)” è un’anticipazione.

Biografia

Cosentino di nascita, romano di adozione, AIELLO ha iniziato a studiare pianoforte e violino a 10 anni mostrando da subito interesse per i grandi nomi della scena soul. A 16 anni scrive i primi testi e nel 2011 pubblica la sua prima canzone dall’impronta pop-autorale, “Riparo”. Nella primavera 2017 pubblica “Hi-Hello”, il suo primo EP, un progetto indie-pop, elettronico, anticipato dal singolo “Come Stai”. Nel settembre 2019 esce il suo primo album “Ex voto”, che contiene i singoli di successo “Arsenico” (disco d’oro), “La mia ultima storia” (disco d’oro) e “Il cielo di Roma”. Nel 2020, AIELLO entra in nomination alla 65° edizione del David di Donatello, nella categoria miglior canzone originale con il brano “Festa” (colonna sonora del film “Bangla”). 

IL VIDEOCLIP “MOSTARDA” DI GLOMARÌ PREMIATO ALLA BIENNALE DI VENEZIA

Il video “Mostarda” dell’artista Glomarì si è aggiudicato il 1° premio nella categoria “Videoclip musicali” del concorso per giovani artisti “Artefici del Nostro Tempo” del Comune di Venezia, come emanazione della 58^ Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia.

In linea con il tema della Biennale “May You Live in Intersting Times”, che invita a vedere e considerare il corso degli eventi umani nella loro complessità, in tempi in cui troppo spesso prevale un eccesso di semplificazione generato dal conformismo, l’opera video “Mostarda” di Glomarì si addentra nel magma dei sentimenti contrastanti di coloro che lottano per la propria individualità in una società che appiattisce e “addormenta”.

Con il suo caratteristico stile poetico, che invita a fare esperienza dell’opera artistica musicale con lentezza e pienezza dei sensi – già manifestato nel precedente videoclip “A suo modo danza” – la giovane artista fidentina Glomarì mira al cuore pulsante di una diversità che si fa valore, di un dolore che si fa creazione, scardinando la porta che separa la stanza della normalità da quella della follia, riscoprendole come un unico grande spazio, lo spazio dell’arte (il corsivo è di Glomarì).

“Mostarda” è il secondo videoclip di una trilogia di video concettualmente legati all’album di esordio di Glomarì dal titolo “A debita vicinanza”, attualmente in corso d’opera.